0

Aquila

Aquila stagliata nel cielo
libertà che volteggia imperiosa
sopra i banali affanni umani

Aquila
effige delle altezze
libertà efferata 
che minaccia fugace
le nostre imbellettate catene

aquila

Annunci
0

Un fiore blu

Sei un fiore raro
dai petali intricati e timidi
dai colori discreti e vividi
di profondo e sofisticato profumo
Se troppo ti guardo mi sembra che ti consumo
se odoro forte ti scompiglio
ti sfioro ma non ti piglio

non ti strappo alla natura
non ti rubo alla bellezza
lascio intatto incontaminato il tuo splendore
lascio appeso sospeso il mio stupore
per ogni carezza trafugata
per ogni dolcezza concessa e tollerata

Ho paura a toccarti
mi sembra di deturparti
Ho paura a guardarti
mi sembra di amarti

Ti ammiro da una distanza che non ti possa ferire
Ti contemplo senza possessivo ambire
Ti proteggo da ogni vento che ti possa sgualcire

Sei un fiore prezioso
io un’ape insicura e impertinente
che vorrebbe abbracciare ogni tua spina
ma non osa e non chiede niente
meravigliata appagata dal tuo solo esser vivente

fioreblu

1

Finzioni

Fingevo di dormire

Mentre tu ti preparavi all’alba
controllavo
con un occhio aperto
senza mai alzare la testa
che non stessi dimenticando nulla

Sempre ti accorgevi
della mia premura
materna e ingenua
ma anche tu fingevi
di non vedere
e pur non trovando le cose
giocavi a non accendere la luce

Fingevi di non vedere
quanto grande e discreto fosse il mio amore
quanto paziente e invadente fosse la mia dolcezza
che non ce la faceva a trattenersi sul cuscino
ma sommessa straripava nella tua misteriosa esistenza

Fingevi di non vedere
per paura di spezzare l’incantesimo
che ammantava la stanza
che avvolgeva l’alba

occhishorer

 

0

La tua delicatezza

 

La tua intangibilità
contrasta
con la concretezza della sofferenza
di non poterti accarezzare
con il dolore di dover reprimere un moto spontaneo
per la prescritta impellenza di tenere il cuore lontano

L’evasività dei tuoi occhi
mi preclude
la consistenza e la preziosità della tua persona

L’elusività della tua presenza
che mi imprigiona nella tua stanza
mi esclude dalla tua sostanza

L’avvedutezza delle tue parole
l’accortezza dei tuoi gesti
confluiscono nella loro stessa dissolvenza

La tua delicatezza
è una strada dolce che conduce a un’atroce indifferenza
e le tue mani mi sfiorano soltanto per non prendermi

Non mi hai mai guardato
trattandomi con la gentilezza che si riserva agli ospiti
che non saranno mai di casa

Non mi hai mai baciato
Del tuo muro di cemento armato
non ho scalfito nemmeno lo stucco.

piumape

Maggio 2017

0

Armando

 

Distanza o invadenza
assenza o violenza
sei ciò che non sarà mai indifferenza

Ardore ed eleganza
ludibrio e tracotanza
sei ciò che riempe ed esonda dalla stanza

Tutto o niente
estremo senza termine medio
sei ciò che non conosce pace o tedio

Impetuoso e oltraggioso
irruento e generoso
sei immenso dono e fardello oneroso

Dilagante e intoccabile
imperturbabile e indomabile
sei pervasivo e imperscrutabile

Stratega e sabotante
paroliere ottenebrante
sei colui che distrugge
perché sa che la verità sta dentro le cose
non sopra o sotto di esse
sei la stoffa squarciata che non si può tessere

Oscurità che ammanta e inghiotte
sei l’abbraccio serrato nel cuore della notte
la sabbia che fugge dal pugno
la roccia che non espugno

sei ciò che mi appartiene
senza essere mio
sei l’eterno ritorno dell’addio

sei tutto ciò che senza tacere sai
sei ciò che amerò sempre
senza amare mai

arm