0

Nel bosco

Nel bosco
ogni fatto del mondo
perde il suo posto
ogni cosa del mondo
perde il suo costo
per prendere un senso
dalle foglie premurosamente nascosto

Nel bosco
lo spazio non conosce dazio
l’animo è sazio
il tempo non svanisce nel frammento
l’anima vive nel momento

Nel bosco
la luce non acceca
ma illumina
il sole non cela
ma rivela

Nel bosco
non c’è perché
non si dà ragione
solo sublime accettazione
primigenia unione di nature

Nel bosco
non c’è fine
non c’è inizio
solo sposalizio
di diverse creature

Nel bosco
la natura ti cattura
senza metterti paura
la natura ti affattura
più di ogni letteratura

Nel bosco
il muschio
ti cinge
ti avvolge
il verde vero ti sconvolge

Nel bosco
mi circonda un abbraccio
Ho un ramo
al posto del braccio

blerabiedanobarbaranomarturanum

0

La consistenza

La consistenza
non è nella sostanza
ma nell’essenza
della contingenza

La consistenza
non è in questa stanza
ma nell’assenza
dell’apparenza

La consistenza
non giace all’arrivo
ma in ogni partenza

La consistenza
non è nella resistenza
ma nella creazione della potenza

La consistenza
si rivela nell’ingiustizia della sofferenza
nell’ardore per la conoscenza

La consistenza
si svela nel tacere dell’eloquenza
nella vacuità dell’esistenza

0

non sai che significa

non sai che significa
stare ferma a guardare
un orologio che ‘l tempo vanifica

non sai che significa
contemplare il vuoto
che la solitudine certifica

il male che m’inghiotte
non mi rende più forte
la porta che si chiude
non apre altre porte

non sai che significa
contorcersi nel letto
perché hai squarciato il petto

non sai che significa
il minuto che non passa
la voce dell’anima che si fa bassa

0

Frappa

 

frappa che t’attappa
frappa che t’annappa
sullo stomaco ‘na zappa
frappa che te intoppa
frappa sulla groppa
frappa che te blocca

frappa, de domenica ce se incappa
poi la frappa non se stacca
sul divano stai ‘na vacca
frappa che te placca
frappa che t’attacca
frappa che te spacca
frappa: nun se scappa

frappe

0

L’ulivone

intrepido l’intreccio delle tue memorie
l’intrigante intrico delle tue ramose storie
le rugose foglie, i legnosi tratti
forse rimembrano della Sabina i Ratti

i tuoi grovigli
della storia miti nascondigli
nella terra
i tuoi fedeli appigli

la tua immensa gentilezza
mastodontica delicatezza
‘l vento soffia la tua brezza

mille tronchi nel tuo tronco
duemila anni nel tuo racconto
fiumi verdi dal tuo raccolto

la nostra tragedia è la tua eterna poesia
le tue radici ciò che non va via

immanente all’esistente
per te il tempo non è niente

DSCN449888