4

Rimando tutto tranne il rimandare

 

Procrastinatrice
il “dopo” mi si addice
senza “poi” “lo faccio” non si dice

la posticipazione
è la mia pronta soluzione

la procrastinazione
la mia efficace colazione

Rimando
è il mio unico comando
-rimando senza determinato quando-

la proroga è la mia droga
i posticipi i miei principi
-posporre di tutti i tipi-

Pigrizia con dovizia
Pigrizia la mia pizia

 

 

Elena Odriozola

0

foto

 

 

quest’apparenza

mi smentisce

questo apparire

mi tradisce

io non sono come in foto

-io non sono in nessuna foto-

io non supero l’obiettivo

ogni scatto a me è cattivo

prediligo ciò che è vivo

io non immortalo ogni istante

il mio io dalla mia faccia è assai distante

questo apparire

maledizione

oggi è la massima perversione

quest’apparenza

malevolenza

è una (di)struggente penitenza

un possesso non voluto

un oggetto maledetto

che con me non ha riflesso

 

0

se si può imparare a disegnare a 22 anni

 

Ho tanti disegni nella testa

immagini scuotono, muovono

scalpitano, palpitano

ma non capitano

 

Ho tante idee da disegnare

pastelli pronti a colorare

mi sento scoppiare

come un tubetto di tempera

mi sento scrivere a vanvera

[l’inchiostro non più a tutto il mio Io ottempera]

 

io mani incapaci

scarabocchio versi veraci

 

Ho troppo tempo da recuperare

indietro non posso tornare

[per imparare]

 

tormentata mi tormento

per il mio perduto “mi cimento”

e arrabbiata chiedo al tempo

se il momento è andato per sempre via

o se posso ancora iniziare a camminare con la fantasia

[se posso imparare a disegnare a 22 anni]

 

imparareafrancolobosco

0

cioccolato

 

sei il mio più grande patire

la mia assoluta passione

sei me tolta la ragione

 

ogni mio male tu curi

la gioia intima mi procuri

un mio problema mai trascuri

 

sei ciò che voglio la mattina

prima che la gente s’avvicina

sei ciò che voglio il pomeriggio

soprattutto se fuori il cielo è grigio

sei ciò che voglio ogni giorno

tutto per me

senza nessuno intorno

 

ti addento nel silenzio

del primo schiudersi di labbra

ti ho dentro ogni momento

fai svanire la mia rabbia

 

ti amo nell’intimità del nostro incontro

nel confluire del dolce confronto

nel segreto del nostro abbraccio

ti amo e così taccio

 

con te misconosco la misura

della mia passione fai languida usura

la lontananza imposta tra noi non dura

resti sempre la mia cura

 

forse l’ho promesso

così cerchiamo un compromesso

ma non riesco ad assaggiarti

che già voglio divorarti

la tua forma, il tuo ordine perfetto

non posso fare a meno di portarti a letto

 

ti assaporo

vali molto più dell’oro

centellino il tuo gusto

con te sono sempre al posto giusto

 

non pretendo il subito

ma godo l’attesa

la lentezza

mano tesa

alla gola carezza

all’anima celestiale brezza

 

voglio purezza incontaminata

così spoglio la tua vergine carta argentata

riveli la bellezza della tua essenza

e migliori la mia esistenza

 

cuore-nel-cioccolato